Chiusura posizione Enasarco agenti: quando farla

Chiusura posizione Enasarco agenti: quando farla

chiusura posizione enasarco agentiChiusura posizione Enasarco agenti di commercio: quando la casa mandante deve comunicarla?

Regola vuole anzitutto che la casa mandante debba comunicare all’Enasarco la cessazione del contratto di agenzia entro 30 giorni.

In caso di mancata o tardiva comunicazione, è prevista una sanzione di euro 250,00.

Farò chiarezza in questo post su cosa si intende esattamente per cessazione del contratto di agenzia, e quindi da quando partono i 30 giorni per la comunicazione.

La questione sembra scontata ma in almeno un paio di casi, per la mia esperienza, ho verificato non fosse poi così ovvio per l’azienda.

Caso 1: l’agente continua a maturare provvigioni anche dopo la scadenza del preavviso

Una azienda mia cliente mi ha interpellato un giorno riguardo il momento in cui avrebbe potuto comunicare la chiusura della posizione Enasarco dell’agente, in presenza di provvigioni maturate dopo che il preavviso del recesso era scaduto.

L’azienda cioè si poneva la questione se dovesse mantenere aperta la posizione Enasarco dell’agente fintanto che l’agente avesse continuato a maturare provvigioni.

In sostanza si chiedeva se la posizione andasse chiusa solo dopo che l’agente avesse smesso di maturare provvigioni.

La domanda derivava dal fatto che, altrimenti, non fosse chiaro come andassero versati i contributi sulle provvigioni residue.

Le due questioni (chiusura posizione Enasarco agenti e versamento contributi su provvigioni residue) sono tuttavia ben distinte tra loro pur essendo strettamente collegate.

La comunicazione di chiusura posizione Enasarco agenti, infatti, è collegata unicamente alla data di cessazione del contratto di agenzia, a prescindere dal fatto che l’agente avrà o meno ancora delle provvigioni da maturare.

Chiusura posizione Enasarco agenti: non bisogna aspettare che l’agente finisca di maturare le provvigioni

La comunicazione dunque va fatta entro 30 giorni da quando cessa il contratto, anche se l’agente continuerà a maturare provvigioni

Anzi, paradossalmente, è ancora più importante rispettare la comunicazione rispetto alla data di cessazione proprio in presenza di eventuali provvigioni residue.

La data di cessazione del contratto, infatti, serve anzitutto per interrompere il rapporto previdenziale nel trimestre in cui si è verificata la cessazione, evitando che all’agente possano essere attribuiti trimestri di anzianità contributiva che non gli spettano.

Anche qualora quindi vi fossero provvigioni residue e su queste andasse (ancora) conteggiato il contributo previdenziale (a seconda che il massimale relativo all’anno di cessazione sia già stato raggiunto o meno), la comunicazione di cessazione andrà fatta in ogni caso entro 30 giorni da quando l’agente ha smesso di lavorare.

Per il versamento dei contributi sulle provvigioni residue, si tratterà poi di compilare  la distinta ordinaria fino a quando l’agente cessato comparirà nell’elenco, e successivamente di compilare la distinta non ordinaria G14 nella quale andranno indicati il trimestre solare in cui la provvigione è maturata e la data effettiva di cessazione del contratto.

Caso 2: il preavviso va compreso o escluso nella indicazione della data di cessazione?

Per data di cessazione si intende data effettiva di chiusura del contratto.

Coincide quindi con l’ultimo giorno di lavoro da parte dell’agente.

Chiusura posizione Enasarco agenti: coincide con la data effettiva di chiusura del contratto compreso il preavviso

Non è dunque corretto sostenere,  come un agente ha tentato di fare con la mandante dopo aver egli per primo inviato il modulo di chiusura del mandato, che la data da indicare come data di cessazione sia la data di comunicazione del recesso a prescindere dal preavviso.

La data da indicare si riferisce infatti alla data effettiva di cessazione del contratto, compreso dunque l’eventuale preavviso.

Per saperne di più sulla chiusura posizione Enasarco agenti di commercio e sugli altri adempimenti Enasarco a carico della mandante, puoi contattarci cliccando qui

Avv. Angela Tassinari

Avvocato Angela Tassinari Linkedin

 

Ti potrebbe anche interessare

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi